Stop a cessione e sconto per bonus edilizi

News
29 Maggio 2024


Pubblicata in GU n 123 del 28 maggio la Legge n 67/2024 di conversione del DL n 39/2024. Da oggi 29 maggio sono entrate in vigore le restrizioni retroattive per le detrazioni di superbonus, sismabonus e bonus barriere architettoniche.

Le spese sostenute dall’inizio del 2024 prevedono sconti fiscali ammortizzabili in dieci rate (contro le precedenti quattro o cinque). Ufficiale anche lo stop alla cessione delle rate residue per chi ha usato la prima parte delle spese in detrazione nella dichiarazione dei redditi. Infine, banche, intermediari finanziari e assicurazioni non potranno più compensare i crediti fiscali collegati a bonus edilizi, già acquisiti, con debiti contributivi e previdenziali. Tutto questo a partire dal 2025.

Con l’articolo 1 adesso viene meno la deroga al blocco dello sconto in fattura e della cessione del credito a favore degli Iacp, delle cooperative di abitazione a proprietà indivisa ed enti del Terzo settore.

Per evitare che bonus edilizi vengano utilizzati da soggetti che hanno debiti nei confronti dell’erario, è stata disposta anche la sospensione fino a concorrenza di quanto dovuto dell’utilizzabilità dei crediti di imposta relativi a bonus edilizi in presenza di iscrizioni a ruolo o carichi affidati agli agenti della riscossione relativi imposte erariali nonché ad atti emessi dall’Agenzia delle entrate, per importi complessivamente superiori a euro 10.000, se scaduti i termini di pagamento e purché non siano in essere provvedimenti di sospensione o non siano in corso piani di rateazione per i quali non sia intervenuta decadenza.

Fonte: Redazione TFDI
Per avere informazioni e aggiornamenti tramite la nostra Newsletter, registrati qui
Se sei interessato in merito ad eventi e novità fiscali che riguardano il nostro CAF seguici su Linkedin e Facebook