Registrazione del contratto preliminare: è detraibile?

News
5 Giugno 2024


Il processo di acquisto immobiliare in Italia comporta diverse fasi burocratiche, inclusa la registrazione del contratto preliminare. Il Fisco chiarisce alcuni dubbi riguardo la possibilità di detrarre l’imposta di registro fissa versata durante questa fase preliminare. In pratica, si elimina ogni ambiguità riguardo le detrazioni applicabili nel processo di compravendita immobiliare.

Il contratto preliminare serve a garantire che ambo le parti, venditore e acquirente, si impegnino a concludere la vendita definitiva. Spesso è utilizzato quando l’acquirente necessita di tempo per ottenere un finanziamento, o il venditore attende la consegna di un’altra abitazione. Il contratto si stipula obbligatoriamente in forma scritta, che può essere redatto come scrittura privata semplice, scrittura privata autenticata o atto pubblico.

Per la registrazione di tale contratto, sono dovute l’imposta di registro fissa di 200 euro e l’imposta di bollo. Questo onere fisso è indipendente dal valore dell’immobile oggetto di negoziazione.

Il dubbio sollevato riguarda proprio la possibilità di detrarre l’imposta di registro fissa di 200 euro pagata in fase di registrazione del contratto preliminare. La risposta del Fisco chiarisce che tale imposta non è detraibile nel contratto definitivo di compravendita. Anche se l’imposta di registro fissa non è rimborsabile, le normative offrono altre modalità per recuperare parte degli oneri fiscali sostenuti, facilitando così il percorso degli acquirenti immobiliari. Infatti, si specifica che, se nel contratto preliminare si effettua un pagamento come una caparra confirmatoria o un acconto sul prezzo di vendita, si applica un’imposta di registro proporzionale. Quest’ultima ammonta allo 0,50% sulle somme date come caparra e al 3% sull’acconto del prezzo. Queste imposte pagate saranno poi detraibili dai tributi dovuti alla stipula del contratto definitivo.

Fonte: Redazione TFDI
Per avere informazioni e aggiornamenti tramite la nostra Newsletter, registrati qui
Se sei interessato in merito ad eventi e novità fiscali che riguardano il nostro CAF seguici su Linkedin e Facebook