Obbligo di fatturazione elettronica per i contribuenti forfettari da gennaio 2024

News
20 Dicembre 2023


Dal 1° gennaio 2024 tutti i contribuenti che applicano il regime forfetario, di cui all’art. 1 della L. n. 190/2014, saranno tenuti all’emissione delle fatture in formato elettronico.

L’ obbligo è completamente scollegato dall’ammontare dei compensi o ricavi percepiti e riguarderà anche i contribuenti che applicano il regime di vantaggio ex art. 27, commi 1 e 2 del D.L. 98/2011, e gli enti associativi che determinano il reddito e l’Iva applicando il regime forfetario ex L. n. 398/1991.

A tal proposito, è necessario tener conto come la legge delega per la riforma tributaria abbia previsto, contemporaneamente, anche l’eliminazione della Certificazione unica per i compensi corrisposti ai contribuenti forfetari, con decorrenza dal periodo d’imposta 2024. Di conseguenza, l’obbligo riguarderà i soggetti che si avvalgono dei regimi precedentemente indicati.

Si ricorda che per le operazioni rilevanti territorialmente in Italia dovrà essere indicato, in luogo dell’Iva, il codice natura N2.2, vale a dire “Operazioni non soggette – altri casi”. Dovrà poi essere compilato il bollo virtuale qualora i corrispettivi fatturati superino l’importo di euro 77,47. Mentre, dall’entrata in vigore del nuovo obbligo, i contribuenti forfetari saranno tenuti a inviare la comunicazione dei dati relativi alle operazioni transfrontaliere, trasmettendo l’adempimento dei dati mediante SdI, con l’utilizzo del formato XML.

Notifica importante è che il nuovo adempimento potrebbe riguardare anche i medici che sinora erano tenuti ad emettere le fatture in formato analogico. Si ricorda che fino al 31 dicembre 2023 gli esercenti le attività sanitarie non possono emettere le fatture elettroniche nei confronti di persone fisiche. Non è escluso, però, che la proroga per gli esercenti le attività sanitarie, possa cambiare da qui all’inizio del 2024.

Fonte: Redazione TFDI
Per avere informazioni e aggiornamenti tramite la nostra Newsletter, registrati qui
Se sei interessato in merito ad eventi e novità fiscali che riguardano il nostro CAF seguici su Linkedin e Facebook