IMU e rendita catastale: la determinazione della base imponibile

News
13 Giugno 2024


La scadenza per il versamento dell’acconto IMU è fissata per il giorno 16 giugno 2024, ma essendo di domenica l’appuntamento è rinviato al lunedì 17 giugno.

Ai fini della determinazione della base imponibile dei fabbricati dovrà essere utilizzata la rendita iscritta in catasto al 1° gennaio dell’anno di riferimento. Il criterio da seguire è diverso rispetto all’ipotesi di nuova edificazione. In questi casi, la nuova rendita, attribuita a seguito dell’obbligo di aggiornamento catastale, dovrà essere utilizzata con decorrenza dalla data di ultimazione dei lavori o, se antecedente, dalla data del loro utilizzo.

I proprietari, al termine dei lavori, attraverso la procedura informatica DOCFA, formulano una proposta di rendita. Successivamente, la rendita proposta rimane negli atti catastali entro dodici mesi dalla data di presentazione della dichiarazione di variazione alla determinazione della rendita catastale definitiva.

Qualora la rendita venisse rettificata, questa deve essere notificata ai soggetti intestatari della partita catastale e da tale data decorrerà il termine di 60 giorni per proporre ricorso davanti alla Corte di Giustizia Tributaria. A tal proposito deve essere ancora osservato come la rettifica potrà essere effettuata anche decorso il termine di dodici mesi dall’attribuzione della rendita proposta considerata la non perentorietà del predetto termine.

Dopo l’avvenuta notifica la rendita dovrà essere utilizzata anche con riferimento alle annualità pregresse in quanto ancora suscettibili di accertamento.

Dalla data della notifica decorre il termine per l’impugnazione dell’atto, ma la rendita rettificata risulta applicabile anche ai periodi d’imposta antecedenti ancora suscettibili di accertamento e liquidazione e/o di rimborso del tributo. Così, la rendita proposta potrà essere utilizzata ai fini della determinazione della base imponibile IMU con decorrenza dalla data di variazione.

Fonte: Redazione TFDI
Per avere informazioni e aggiornamenti tramite la nostra Newsletter, registrati qui
Se sei interessato in merito ad eventi e novità fiscali che riguardano il nostro CAF seguici su Linkedin e Facebook